Studio del territorio ed analisi del Turismo locale per la sua promozione in rete
Cartografia interattiva distribuita attraverso un Web GIS o in formato kml (Google Earth)

Numero monografico della rivista Geotema per il Gruppo di lavoro AGEI su:

"Nuove tecnologie per la conoscenza e la gestione del territorio"

Come è ben noto, un approfondito studio del territorio e delle sue valenze naturali e culturali è un presupposto imprescindibile per la sua promozione turistica. Di pari importanza, a questo fine, è una disamina dell'offerta turistica esistente in loco, con particolare riferimento ai canali informativi legati ad Internet. Spesso i numerosissimi siti di promozione turistica, si avvalgono di cartografia interattiva, per veicolare al pubblico le informazioni utilizzando strutture più o meno derivate dai Sistemi Informativi Geografici. L'estrema frammentazione dell'informazione disponibile, allo stesso tempo punto di forza e debolezza della rete, ha prodotto (e produce senza soluzione di continuità) delle rappresentazioni pseudo-cartografiche a fini turistici, che forse sarebbe utile uniformare, per una maggior chiarezza espositiva ed una più immediata comprensione. La Geografia e la Cartografia sono discipline che possono e devono esprimere un contributo in tal senso.

Il filo conduttore del numero di Geotema è quello di contribuire alla realizzazione di un metodo di comunicazione turistica che faccia uso anche di cartografia interattiva. Un metodo che si basi su studi geografici seri ed approfonditi e sia in grado di proporre delle mappe esplicative ed omogenee. A tal fine si cercherà di utilizzare una base cartografica comune, sulla quale potranno essere sovrapposti i contributi tematici interattivi. Tra le possibilità allo studio ci sono le varie cartografie tecniche regionali italiane oppure la base cartografica gratuita di Open Street Map (OSM). Quest'ultimo è un progetto internazionale che ha come ambizioso obiettivo la mappatura partecipativa globale a grande scala a livello stradale (cfr.: http://www.openstreetmap.org/).

Per quanto riguarda i formati digitali, questi potranno essere sia lo shape di ERSI che il kml di Google. La base cartografica ` visibile sul sito dedicato agli "Itinerari per un turismo alternativo", all'indirizzo: http://disugis.units.it/OL/Progetti/mappa.html.